VinSanto

CHIANTI CLASSICO DOCG

2004

Le uve che entrano nella composizione del Vinsanto sono una selezione della miglior Malvasia Bianca e del Trebbiano provenienti dai circa 1,5 ettari del vigneto Bellavista. La produzione utilizzabile per ottenere questo vino non è mai superiore a 1-2 grappoli per pianta. La raccolta viene effeuata con meticolosita al fine di verificare l’effettivo stato sanitario e di maturazione di tutte le uve.
Il successivo trasporto negli appositi appassitoi avviene per mezzo di piccole cassette che permettono di lasciare integro ogni acino. Le uve restono ad appassire per un periodo medio di circa 60 giorni dopodichè vengono pressate ed il mosto altamente zuccherino viene posto a fermentare ed affinare in barriques francesi per un periodo medio di circa cinque anni. Il rapporto tra le uve raccolte ed il Vinsanto che viene posto in bottiglia è mediamente di uno a cinque.

Scarica la scheda tecnica

Dettagli

Clima e annata
L’inizio dell’anno è stato piuttosto regolare con freddo e piogge. La primavera ha alternato giornate miti ad altre ancora invernali così da far risvegliare in ritardo la vite. Giugno ha riportato le medie su valori più consoni alla tarda primavera. La vegetazione ha riacquistato il suo rigoglio tradizionale pure restando (fioritura e allegazione) in leggero ritardo. Luglio e il successivo mese di Agosto sono proseguiti in maniera regolare. La vendemmia si è svolta in tempi relativamente regolari. Annata con andamento meteorologico regolare con un raccolto soddisfacente, sia qualitativamente che quantitativamente, dopo tre anni di scarsa produzione.
Vinificazione e affinamento
Tra il 4 e il 6 di ottobre sono state raccolte interamente a mano le migliori uve di Malvasia Bianca (50%) e di Trebbiano Toscano (50%) per un totale di q.li 103.
Le uve, messe ad appassire in catene di grappoli in appositi fruttai asciutti e ben ventilati per 60 giorni, sono state pigiate, senza essere diraspate, e pressate delicatamente ottenendo hl. 27. Il mosto, dopo una prima sfecciatura statica, è passato per circa 200 litri ciascuno, in barriques di rovere di Allier usati. La fermentazione si è sviluppata, come tradizione, a fasi alterne fino ad arrivare ad un arresto spontaneo. Dopo due anni il vino è stato travasato e rimesso in barriques per 36 mesi. A settembre 2009 il Vinsanto è stato imbottigliato e si sono ottenute 5.128 mezze bordolesi.
Note di degustazione
Colore oro verde, brillante non troppo carico. Ampi sentori di fico, albicocco e mandorla amara. Attacco fresco, asciutto con un residuo zuccherino piacevole senza essere stucchevole. Retrogusto di frutta lungo e persistente.
Riconoscimenti
Annata Testata Paese Punteggio
2004 Wine Advocate USA 90/100